Surfen im Münchner Eisbach

La tradizione bavarese di cavalcare le onde

I surfisti dell’Eisbach

La tradizione bavarese di cavalcare le onde

I surfisti dell’Eisbach

360° - Video

L’isola di Ohau, nell'arcipelago delle Hawaii, Sagres sulla costa dell’Algarve e Monaco, la capitale della Baviera: cosa accomuna questi luoghi? Sono famosi nel mondo come spot per surf. Monaco non si affaccia sul mare, ma è attraversata da fiumi e nel 1972 è stato scoperto il “river surfing”. Per questo sport, che prevede il cavalcare onde statiche, la tradizione è quindi relativamente giovane, ma pur sempre bavarese.

Lo spot per river surfing più famoso al mondo si trova nei pressi dell’Eisbach.

Lo spot per river surfing più famoso al mondo si trova nei pressi dell’Eisbach, a Monaco. Questa deviazione dell’Isar attrae tutto l’anno numerosi surfisti da tutto il globo, anche professionisti. In estate, le onde statiche diventano un amatissimo punto d’incontro per cittadini e visitatori, anche per la loro posizione: si fa surf accanto all’imponente museo “Haus der Kunst”. I surfisti si possono guardare dal ponte sull’Isar, sul quale si arriva dalla Prinzregentenstraße. Oppure all’ombra degli alberi del più grande parco cittadino di Monaco, il Giardino Inglese. Chi ha visto abbastanza, può proseguire a piedi in questo enorme parco con i tranquilli biergarten.

Wellenreiten im Eisbach

Anche se l’Eisbachwelle è il più famoso spot per surf sul fiume, questo sport è stato scoperto altrove. La sua origine risale al surfing polinesiano e a quello della tavoletta trainata bavarese. Già da molto tempo, esattamente da quanto non si sa, i bavaresi legavano una tavola in legno, talvolta anche una porta, a un albero che si innalzava su un fiume e controllavano la corrente. Nel farlo, si sedevano sulla tavola e si tenevano alle maniglie. Nel 1965, ad Altenmarkt presso Chiemgau, Arthur Pauli ebbe l’idea di tenere la fune tra le mani e di fare surf in piedi sul fiume Alz. Tuttavia, non si trattava ancora di river surfing. Solo nel 1972 Pauli pensò di cavalcare l’onda di un fiume nell'area in cui esso viene attraversato su zattere, il “Floßkanal” nella “Floßlände”: era nato il river surfing.

Niente surfisti senza zatterieri

La scoperta di questo sport non ci sarebbe mai stata senza la tradizione bavarese dellezattere. L’onda perfetta si origina innanzitutto nel canale per le zattere, con le sue cadute ripide, per poi arrivare all’immediato sbocco nell’approdo, più largo e tranquillo (in tedesco “Floßlände”). Ancora oggi, in estate, i visitatori possono cavalcare le onde del fiume con una zattera: quando succede, per i surfisti non c’è più spazio.

Wellenreiten im Eisbach
Wellenreiten im Eisbach

A Monaco ci sono diversi spot per surf. Oltre al Floßlände e al famoso Eisbachwelle, sull’Eisbach esiste anche il Welle E2. In condizioni favorevoli, le onde dell’Isar si possono cavalcare anche in altri punti. Fondamentalmente tutti possono provare, ma solamente l’onda del Floßlände è adatta ai principianti di questo sport. Anche i surfisti che praticano questa attività da anni in mare dovrebbero fare una prima prova qui. È proprio la famosa Eisbachwelle a risultare particolarmente pericolosa, tanto da spingere al limite anche i professionisti. Tutti gli sportivi vi si recano senza regole precise. A chiunque volesse partecipare, si consiglia prima di consultare un surfista di fiume esperto.

Eisbachsurfer
Eisbachsurfer
/
indirizzo: Prinzregentenstraße 1, 80538 München